Fagiolini, il gusto della tradizione – SuperSISA
Sorrisi > PRIMIZIA DEL MESE Giugno 2020

Fagiolini, il gusto della tradizione

Sorrisi > PRIMIZIA DEL MESE

Questi legumi, spesso associati agli ortaggi, sono da sempre un caposaldo della cucina italiana. Un “piatto della nonna” ricco di gusto e proprietà, immancabile sulle tavole d’estate.

Conosciuti anche come cornetti o mangiatutto, i fagiolini ci accompagnano con la loro freschezza lungo tutta l’estate, consentendoci così di portare in tavola piatti genuini e ricchi di gusto. Appartenenti alla famiglia delle leguminose, sono caratterizzati dalla tipica forma allungata (curva o dritta), ma si differenziano per il colore a seconda della varietà.

FONTE DI BENESSERE

C’è chi, al posto di legumi, li considera degli ortaggi ma tutti convengono sulla loro importanza per il nostro benessere. I fagiolini, infatti, contengono un’elevata quantità di acqua svolgendo quindi un’azione depurativa e diuretica; i sali minerali (come silicio, fosforo e calcio) e le vitamine (A e K), invece, li rendono preziosi per le ossa. Gli antiossidanti, infine, hanno importanti effetti antinfiammatori e aiutano a contrastare i radicali liberi, prevenendo l’invecchiamento cellulare.

COSÌ IN CUCINA

Ricchi anche di fibre, valide alleate per l’apparato digerente, i fagiolini freschi che si trovano in questa stagione possono diventare l’ingrediente di numerose ricette. Prima di cuocerli è fondamentale eliminarne le estremità con tutti i filamenti, lavarli attentamente sotto l’acqua corrente e, infine, farli bollire. Essendo considerati soprattutto delle verdure, vengono consumati prevalentemente come contorno oppure gustati da soli (conditi con un po’ di olio e aceto), in insalata (perfetto, ad esempio, l’abbinamento con patate lesse e pomodori) o all’interno di minestre e frittate.

LI POSSO ACQUISTARE?

Prima di acquistarli è necessario controllarne la freschezza: via libera a quelli con baccello duro e integro, dal colore verde uniforme e senza ammaccature. I fagiolini giovani e teneri, in particolare, si spezzano di netto provocando un rumore secco: una vera e propria garanzia di qualità! Una volta portati a casa, poi, possono essere conservati in frigorifero per due o tre giorni; se volete averne una scorta anche durante il resto dell’anno, potete cuocerli e congelarli: si manterranno senza problemi per mesi interi!