Capitone della Vigilia alla napoletana (Campania) - SuperSISA
Sorrisi > SUPERFOOD Dicembre 2021

Capitone della Vigilia alla napoletana (Campania)

6 persone 60' preparazione
  Ingredienti

1 capitone di circa 1 kg

100 g di farina di grano tenero tipo 00

50 g di farina di mais

olio per friggere q.b

alloro q.b.

sale q.b.

Per l'insalata di rinforzo:

1 piccolo cavolfiore bianco e 1 verde

1 scarola riccia

100 g di olive nere di Gaeta

100 g di olive verdi

sale q.b.

100 g di papaccelle (particolari peperoni tipici campani di forma tondeggiante) sott'aceto

100 g di capperi di Pantelleria Igp al sale marino

100 g di sottaceti misti

6-8 acciughe sotto sale

aceto di vino bianco q.b.

olio extravergine di oliva q.b.

pepe q.b.

PREPARAZIONE

  1. Lavate molto bene il capitone sotto l’acqua corrente (non va spellato) e mettetelo su un tagliere. Tagliatelo a tronchetti di 5-6 cm, puliteli e lavateli ancora a lungo in acqua fredda corrente per eliminare la vischiosità della pelle.
  2. Mescolate in una ciotola la farina bianca e quella di mais e passatevi i tronchetti di capitone, scolati e ben asciugati. Scaldate in una padella a bordi alti abbondante olio; appena è ben caldo (170°) immergetevi, pochi alla volta, i tronchetti di capitone e friggeteli a fuoco medio per circa 10 minuti.
  3. Scolateli man mano su carta assorbente da cucina, salateli e guarniteli con l’alloro.
  4. Preparate l’insalata di rinforzo: dividete i cavolfiori a cimette e lessatele mantenendole croccanti; mettetele in un’insalatiera.
  5. Dissalate in acqua fredda i capperi e le acciughe; tagliate le acciughe a pezzetti.
  6. Unite ai cavolfiori la scarola spezzettata, le papaccelle a falde, le olive, i capperi, i sottaceti misti e le acciughe; condite con olio, aceto, sale e pepe. Servite con il capitone fritto. Se vi avanza qualche pezzo di capitone fritto mettetelo in una terrina, versatevi sopra 1-2 bicchieri di aceto di vino bianco, unite qualche foglia di alloro e conservatelo, ben coperto, al fresco: potrete servirlo come secondo piatto freddo o come antipasto nei giorni successivi.