In forma con la ginnastica a casa – SuperSISA
Sorrisi > PILLOLE DI BELLEZZA Aprile 2020

In forma con la ginnastica a casa

Sorrisi > PILLOLE DI BELLEZZA

Trascorrere l’intera giornata a casa non è sempre facile. Perché non impiegare parte del nostro tempo, allora, facendo un po’ di ginnastica per rimanere attivi e in forma? Le tipologie di allenamento domestico sono numerose: dagli esercizi a corpo libero o con manubri ai circuiti fino alle attività aerobiche ad alta intensità.

BASTA DAVVERO POCO

Molti degli oggetti che usiamo quotidianamente possono trasformarsi in preziosi alleati per il nostro fitness: le bottiglie di acqua, ad esempio, prendono il posto dei manubri per allenare spalle, bicipiti e tricipiti; il manico della scopa può diventare un bilanciere, sul quale inserire alle estremità due confezioni d’acqua per fare squat; una sedia, infine, può trasformarsi in una panca.

UNA PICCOLA PALESTRA DOMESTICA

Se volete ricreare in salotto una mini palestra, potete procurarvi poi le bande elastiche (scegliete la resistenza in base al vostro livello di allenamento per coinvolgere tutti i gruppi muscolari) e i manubri componibili, ai quali aggiungere dischi fino a raggiungere il peso desiderato. Fondamentale per gli esercizi a terra, inoltre, un tappetino e non dimentichiamoci del divano, che può aiutarci in alcuni esercizi per gambe e glutei, come gli affondi bulgari e l’hip trust.

UN ESEMPIO DI WORKOUT

Se volete allenarvi a casa, provate questo allenamento a circuito eseguendo ogni esercizio per 40” e riposando 10” tra uno e l’altro (ripetete tutto per 3 volte).

  • Jumping jack: partendo dalle braccia lungo il corpo, apritele e chiudetele coordinandole con le gambe mentre fate un piccolo salto sul posto
  • Skip: corsa sul posto con le ginocchia alte
  • Mountain climber: mani a terra in linea con le spalle, portate una gamba alla volta verso il busto alternandole
  • Push up: sono le classiche flessioni sulle braccia per allenare il petto
  • Jump squat: dopo ogni squat, saltate dandovi una spinta con le gambe, stando attenti a mantenere la schiena dritta in fase di atterraggio.