A scuola di… ginnastica facciale! – SuperSISA
Sorrisi > PILLOLE DI BELLEZZA Maggio 2020

A scuola di… ginnastica facciale!

Sorrisi > PILLOLE DI BELLEZZA

Il nostro viso, si sa, risente inesorabilmente del tempo che passa: per mantenerlo giovane e più tonico, però, ci viene in aiuto la ginnastica facciale. Esercizi semplici e veloci che, se eseguiti con costanza, daranno grandi risultati!

Anche la nostra faccia ha bisogno di allenamento per restare tonica e in forma, esattamente come il resto del corpo. Allora, così come andiamo in palestra per tonificare gambe, braccia e addominali, possiamo dedicare quotidianamente qualche minuto ai muscoli del viso e dire addio ai segni del tempo. Se praticata costantemente infatti, per almeno un quarto d’ora al giorno, la ginnastica facciale rappresenta davvero un efficace rimedio antirughe, migliora il colorito della pelle e leviga i contorni.

ADDIO ZAMPE DI GALLINA

Alcuni dei principali esercizi riguardano gli occhi e sono mirati, in particolare, alle rughe che si formano ai lati delle palpebre. Cosa fare? Chiudere gli occhi, appoggiare gli indici alle estremità e tirare verso le tempie: mantenete la posizione per qualche secondo e poi rilasciate. Per eliminare le occhiaie e attenuare il loro tipico colore violaceo, invece, potete sbattere ripetutamente le ciglia per circa venti volte, attivando così i muscoli e stimolando la circolazione.

COINVOLGIAMO LE GUANCE

Contro le linee che attraversano il viso (simili a delle scavature) e testimoniano l’avanzare degli anni, è molto utile un esercizio piuttosto semplice, che consiste nel gonfiare le guance (tenendo due dita sulla bocca per non far uscire l’aria) e spingendone, con l’altra mano, prima una e poi l’altra per almeno cinque volte.

BOCCA PERFETTA CERCASI!

Se il vostro principale cruccio riguarda le rughe intorno alle labbra, infine, non preoccupatevi perché esiste un rimedio anche per loro! La prima cosa da fare è riprodurre la famosa espressione de ”L’Urlo” di Munch: chiudete la bocca come per dare un bacio a qualcuno e poi spalancatela come se doveste gridare. Successivamente, appoggiate la punta degli indici negli angoli della bocca e cercate di allargare le labbra mentre fate resistenza.