Correre sì, ma con criterio – SuperSISA
Sorrisi > BENESSERE Giugno 2021

Correre sì, ma con criterio

Sorrisi > BENESSERE

La bella stagione ci spinge a fare più movimento e la corsa è tra le attività maggiormente praticate. Attenzione, però: per farlo in sicurezza è necessario seguire alcune regole e, soprattutto, non esagerare.

La corsa rientra tra le attività fisiche più semplici da praticare: non necessita di particolari attrezzature, ci si può dedicare ovunque e può essere svolta da (quasi) tutti. Per correre in maniera corretta, però, bisogna avere una preparazione adeguata e raggiungere i propri obiettivi gradualmente, così da evitare infortuni.

BUONE SCARPE E… VOLONTÀ!

Farsi male e riportare traumi, infatti, non è così difficile mentre si corre, a causa di una tecnica o una postura sbagliate, calzature scomode nonché la voglia di esagerare nonostante l’assenza di allenamento. È fondamentale, quindi, fissare un traguardo e procedere per gradi, migliorando le proprie performance di volta in volta. La prima cosa da fare è, senza dubbio, scegliere le scarpe giuste! Nella corsa, non è importante l’estetica quanto la comodità: per questo, le scarpe da running vengono spesso acquistate dopo un test del piede, così da avere il modello più giusto per sé.

LA GIUSTA PREPARAZIONE

Per quanto riguarda l’abbigliamento, invece, si consiglia di indossare indumenti leggeri e traspiranti, così da non trattenere il sudore durante l’esercizio fisico. Prima di correre è importante dedicare qualche minuto al riscaldamento e allo stretching, da ripetere poi a fine corsa, insieme al defaticamento.

ASCOLTA IL TUO CORPO

Quando si corre, però, il principio base è solo uno: ascoltare le proprie sensazioni. Se, durante l’allenamento, si prova benessere allora vuol dire che si è sulla strada giusta, ma se il corpo invia segnali di disagio, fastidio o troppa fatica, bisogna fermarsi. Per correre bene, infatti, bisogna adeguare ritmi e frequenza alla propria condizione fisica, accettando anche - se necessario - di dover rallentare o accorciare le sessioni rispetto al programma iniziale. La corsa dev’essere, innanzitutto, un piacere!